Andare in Giappone

Il Giappone in breve

Il Giappone è situato nell'emisfero nord, nell'area ovest dell'oceano Pacifico. I paesi vicini sono la Corea, la Cina e la Russia.

Il paese è costituito da più di 6800 isole. La maggior parte sono di dimensioni molto ridotte; solo 340 hanno una superficie superiore a 1 kmq. Le quattro isole principali sono Hokkaido, Honshu, Kyushu e Shikoku.  L'arcipelago giapponese si estende per oltre 3 mila km da nord a sud; l'isoletta più a sud si trova a 115 chilometri dalla costa di Taiwan e a oltre 2 mila chilometri da Tokyo. 

La superficie complessiva del Giappone è di circa 378 mila chilometri quadrati (l’Italia ha una superficie di circa 302 mila kmq). Il paese è prevalentemente montuoso e due terzi del territorio sono ricoperti da foreste. La maggior parte delle regioni è a clima temperato, con quattro stagioni, ma il clima di Okinawa, nella zona meridionale, è subtropicale, mentre quello di Hokkaido, a nord, è subartico.

La popolazione è di circa 126 milioni di persone, dei quali 14 risiedono nell'area metropolitana della capitale Tokyo. La densità della popolazione è una delle più alte al mondo con 333 persone per kmq. 

Il Giappone è una monarchia parlamentare. L’imperatore non ricopre nessun ruolo politico, ma è simbolo della nazione.  Attualmente l'imperatore è Naruhito. Il capo del governo è Fumio Kishida. Il potere legislativo è suddiviso in due camere chiamate Dieta che comprende la Camera dei Consiglieri, con 242 membri, e la Camera dei Rappresentanti con 465 membri. Il paese è poi diviso in 8 regioni (Chihou) e in 47 province (Todofuken).  Nella sezione Letture e Visioni puoi trovare e acquistare guide sul Giappone, libri e film di storia e cultura giapponese.

Entrata in Giappone

Ai cittadini italiani non occorre alcun visto per entrare in Giappone; vi si possono trattenere fino a tre mesi. Il documento per l'ingresso è il passaporto con una validità di almeno tre mesi.

Prima dell’atterraggio nel paese le hostess distribuiranno due moduli da compilare: uno di immigrazione, da consegnare alla barriera della Polizia di frontiera, e uno per la dogana, alla seconda barriera. L’ufficiale della Polizia di frontiera stampiglierà sul vostro passaporto la dicitura Temporary Visitor (visitatore temporaneo).

Vaccinazioni

Fino all'inizio della pandemia da Covid-19, non era necessario alcun certificato di vaccinazione per entrare nel paese. Con il Covid-19 la situazione è radicalmente cambiata e le norme subiscono continue modifiche in relazione all'evoluzione della pandemia e alle decisioni governative. Gli ultimi aggiornamenti verranno pubblicati nella sezione News di questo sito; consulta anche il sito Viaggiare Sicuri del Ministero degli Esteri italiano.

Dogana

In Giappone è possibile entrare o uscire con qualsiasi valuta di qualunque paese. Tuttavia, se trasportate una cifra in contanti o in altre forme di pagamento che superi il milione di yen (circa 7.700 euro), siete tenuti a dichiararlo alla dogana. 

Nel caso abbiate amici ai quali vorreste portare dei regali vi consigliamo di verificare la possibilità o i limiti nel sito della dogana giapponese https://www.customs.go.jp/english/index.htm.  Ad esempio, qualsiasi prodotto di origine animale o pianta viene sottoposto a un’ispezione negli aeroporti e nei porti del Giappone e l’importazione di alcuni di essi è vietata.

Fuso Orario

La differenza di fuso orario tra Italia e Giappone è di + 7 ore in estate e + 8 ore in inverno. Il Giappone non adotta l'ora legale. 

Moneta Giapponese

La moneta giapponese è lo Yen (indicato con ¥) che in giapponese si pronuncia “En”. Le monete sono da 1, 5, 10, 50, 100 e 500 yen. Le banconote hanno tagli da 1.000, 2.000, 5.000 e 10.000 yen. Sul sito della Banca del Giappone trovi le immagini di ogni banconota e moneta: https://www.boj.or.jp/en/note_tfjgs/note/valid/issue.htm/

Cambio Valuta

In base alla nostra esperienza conviene cambiare gli euro in Yen qui in Italia, attraverso la propria banca. Vi consigliamo di farlo per tempo (almeno 15-20 gg prima della partenza) dato che le banche devono, a loro volta, ordinare la valuta ai propri centri servizi. 

È comunque possibile acquistare yen in tutte le banche abilitate al servizio di cambio valuta e presso tutti gli sportelli cambiavalute preposti. Negli aeroporti internazionali sono presenti sportelli di cambio che osservano un normale orario di ufficio. Il tasso di cambio dipende, oltre che dal valore attuale delle valute, anche dalle commissioni applicate dalle banche.

In questo momento (marzo 2022) il tasso ufficiale dello Yen fluttua tra i 128 e i 130 Yen per euro.

Per il calcolo del costo in euro di ciò che acquistate in Giappone, vi consigliamo questa semplice operazione: dividete l’importo per 100 e sottraete il 20%.

Ad esempio, per una spesa di 5 mila yen: 5.000:100= 50. Poi 50 – 10 (cioè il 20% di 50) = 40,00 euro.

Facendo il conto con la calcolatrice 5.000:130 = 38,46 euro; poco diverso dai 40,00 euro del calcolo a memoria.

Per le monete è più facile ricordarsi quanto vale la singola moneta (arrotondiamo qualche valore per semplificare, tra parentesi il reale valore).

1 yen = 1 centesimo / 5 yen = 5 centesimi 10 yen = 10 centesimi / 50 yen = 50 centesimi (0,39) / 100 yen = 1€ (0,77) 500 yen = 4€ (3,85) / 1000 yen = 8€ (7,69)

Carte, bancomat e contanti in Giappone

In Giappone le carte di credito sono molto diffuse ma non aspettatevi che vengano sempre accettate.  Per gli acquisti, comunque, è consigliabile avere con sé più strumenti di pagamento e in particolare:

  1. contanti per le piccole spese, per i pranzi e le cene;
  2. una carta di credito per acquistio spese importanti (le prepagate non sempre sono accettate);
  3. una tessera bancomatche sia aderente al circuito Cirrus (visibile sul retro della carta), per eventuali prelievi di denaro agli sportelli Bancomat che in Giappone si chiamano ATM.

NOTA: Ci sono più di 26.000 bancomat postali, distribuiti su tutto il territorio nazionale, che accettano carte bancomat di circuiti internazionali quali Cirrus, PLUS, Maestro e Visa Electron. Tuttavia, i bancomat postali hanno degli orari di apertura e chiusura. È possibile, invece, utilizzare 24 ore su 24 i servizi bancomat Seven Bank presso i Convenience Store (piccoli supermercati) Seven Eleven dislocati in tutto il Giappone. Su ogni sportello bancomat sono in genere indicati i simboli delle carte bancomat accettate.

Orari di banche e negozi

L'orario di apertura al pubblico degli sportelli bancari è dalle ore 9:00 alle 15:00, dal lunedì al venerdì. Gli Uffici postali dalle ore 9:00 alle ore 17:00 dal lunedì al venerdì (alcuni uffici postali centrali rimangono aperti tutti i giorni.) I negozi sono generalmente aperti dalle ore 10:00 alle ore 19:00/20:00 con chiusura infrasettimanale poiché spesso non viene effettuata la chiusura domenicale.

Acquisti in Giappone

Il Giappone è la patria dei prodotti di elettronica. Le telecamere, le macchine fotografiche ma anche tutta l’elettronica prodotta nel paese è quindi più conveniente. Abbiamo notato, però, che le oscillazioni valutarie possono anche annullare questa convenienza; perciò, se avete intenzione di fare acquisti di questo tipo, vi consigliamo di scegliere il prodotto e la marca in Italia, di prendere nota del suo costo per poi confrontarlo con il prezzo in Giappone. Conviene sapere bene cosa si vuole acquistare anche perché non sarà sempre facile comunicare con i commessi giapponesi.  

Tra le grandi catene di negozi giapponesi vi consigliamo una visita da Uniqlo (abbigliamento dall'ottimo rapporto qualità/prezzo) e una ricognizione tra i prodotti dei negozi Muji dal raffinato design (cancelleria, articoli per casa e altri prodotti di consumo).

Tra gli altri prodotti giapponesi noti all’estero per la loro qualità e/o per il loro legame con la tradizione, segnaliamo:

  • l'abbigliamento tradizionale(kimono, yukata e tutti gli accessori per vestire tra cui i sandali);
  • la carta giapponese(ventagli, lampade e tutti gli articoli di cartoleria);
  • le bambole e i giocattoli tradizionali;
  • il vasellame(in porcellana, legno e ghisa) e gli utensili per casa.

Acquisti Tax Free

ACQUISTI TAX FREE - I visitatori stranieri temporanei hanno la possibilità di non pagare l'IVA. Per ricevere lo sconto dell'IVA, al momento l'8 o il 10% (dipende dai prodotti), devono essere spesi almeno 5.000 yen nello stesso negozio e nello stesso giorno. In pratica ogni scontrino deve essere superiore ai 5.000 yen. La spesa massima non può essere superiore ai 500 mila yen per i prodotti "Consumabili". Lo sconto della tassa è possibile nei negozi che espongono la scritta "JAPAN TAX-FREE SHOP". Rivolgersi alla cassa dedicata a questo tipo di operazioni, mostrare il passaporto, in una pagina interna vi verrà spillato lo scontrino. Non rimuovete lo scontrino e conservate il prodotto acquistato per eventuali controlli all'uscita da paese.

Le Terme

Le terme sono molto amate dai giapponesi. Le aree destinate alle terme sono molto belle; in dimensioni minori, rispecchiano la composizione dei giardini giapponesi. Le strutture sono dotate di vasche posizionate sia all'interno che all'esterno, con temperature differenti. Nei nostri tour ci sarà modo di provarle. Il necessario per le terme vi sarà consegnato alla reception dell'hotel o del Ryokan (albergo stile tradizionale) oppure lo si troverà nelle camere. Della dotazione fa parte: lo yukata (abito tradizionale di cotone con il quale ci si muove per tutto l'hotel) oppure un abito comodo tipo samue (giacca e pantaloni), le ciabatte (o le calze) e gli asciugamani. 

Le aree sono distinte per uomini e donne. Non sono permessi costumi; si entra nudi con un piccolo asciugamano destinato ad asciugare il sudore o, per chi ha un forte senso del pudore, per coprire le parti intime.

Prima di entrare nelle vasche bisogna sciacquare tutto il corpo. È sconveniente bagnare e lavare l'asciugamano nelle vasche. I capelli lunghi devono essere sempre raccolti. Molto spesso nelle terme non sono ammesse le persone con tatuaggi. In questi casi, se i tatuaggi sono piccoli, è possibile coprirli con dei cerotti. Parecchi Ryokan dispongono di camere di categoria superiore che sono dotate di vasca termale privata all’aperto. I clienti possono segnalare tale desiderio al momento della prenotazione.

Il Ryokan

Il Ryokan è un hotel in stile tradizionale, spesso dotato di un'area termale. La pavimentazione delle stanze è costituita da tatami: grandi e spesse stuoie in paglia di riso. La camera ha un arredamento minimalista; entrando ci si chiede dove si dormirà. Durante la cena, il personale provvederà a prendere l'occorrente dagli armadi (futon, lenzuola e cuscini) e preparare il letto per la notte. Al mattino, durante la colazione, la stanza verrà rimessa in ordine. 

Nel ryokan ci si veste con il tradizionale yukata (un kimono di cotone leggero) e si indossano le ciabatte per muoversi nelle aree comuni. Sui tatami si cammina a piedi nudi (con o senza calze) ma NON con le ciabatte che devono essere lasciate fuori dallo "spazio tatami". All'ingresso del locale WC troverete altre ciabatte (ciabatte da bagno) che vanno usate esclusivamente nel locale WC e che devono essere lasciate nello stesso posto prima di uscire. 

Spesso, ma non sempre, i ryokan sono concentrati nei pressi di centri termali, i famosi onsenImmergersi in un onsen è uno dei passatempi preferiti per i giapponesi, dai più giovani ai più anziani. 

Oggi giorno, parecchi Ryokan, soprattutto le strutture più grandi, dispongono anche di camere in stile occidentale e/o camere giapponesi (con tatami) dove è possibile dormire in letti occidentali. Altra possibilità offerta da molti Ryokan sono le camere che dispongono di bagno termale privato, con vasca all’aperto. 

All'arrivo al ryokan la nostra accompagnatrice vi mostrerà una camera per sciogliere eventuali dubbi su usi e dotazioni.

Bagno e Toilette

L'uso del bagno giapponese è parecchio diverso da quello occidentale; lo stesso vaso WC è dotato di comandi elettronici che richiedono qualche spiegazione.  Come scritto nel precedente capitolo "Ryokan", all'ingresso del locale WC troverete le ciabatte da bagno che vanno usate per entrare e occorre ricordarsi di lasciarle nello stesso posto prima di uscire. Troverete le ciabatte da bagno anche in molti ristoranti. La tecnologia, come dicevamo prima, ha interessato anche il vaso WC. Per evitare spiacevoli incidenti è bene avere qualche informazione preventiva. In internet ci sono molti video sull'argomento. Vi segnaliamo uno tra i più carini che abbiamo visto: https://www.youtube.com/watch?v=uyFVskBJ3Ps.

Uso del telefono

Per chiamare il Giappone dall’Italia, il numero da comporre è 0081, seguito dal prefisso della località (senza lo zero iniziale) e dal numero dell'utente. Per chiamare l’Italia dal Giappone è un po' più complicato. Al prefisso internazionale per l'Italia (39) va anteposto un numero che varia a seconda della compagnia che si intende utilizzare oppure a seconda della compagnia con la quale il vostro provider (TIM, Vodafone, eccetera) ha stabilito degli accordi (in Giappone le compagnie private sono moltissime). I prefissi più utilizzati sono: 001+39; 061+39; 0033010+39 seguiti dal numero telefonico italiano comprensivo di prefisso.

Sono in commercio numerose schede internazionali, acquistabili presso i Convenience Store.

Telefoni cellulari

Per l’uso degli smartphone non ci sono problemi; è consigliabile però verificare con il proprio provider telefonico i costi del roaming. Ogni compagnia telefonica offre ai propri clienti che vanno all’estero, dei pacchetti che comprendono telefonate e internet. Spesso però, vediamo che i nostri partecipanti preferiscono rimanere “isolati”, a meno che non abbiano particolari impegni di lavoro.

In Giappone, inoltre, è possibile anche acquistare una SIM card (SoftBank Mobile o NTT Docomo) oppure prendere un apparecchio cellulare in affitto ma sono soluzioni più complicate e dal punto di vista economico ne vale la pena solo per un uso molto intenso.

Per ulteriori informazioni contattate la vostra compagnia di telefonia mobile in Italia oppure consultate il loro sito web.

Connessioni Wi-Fi

Ogni hotel è dotato di connessione WI-FI. Dalla vostra camera potrete, quindi, collegarvi ad internet, mandare messaggi o telefonare tramite Skype, WhatsApp o programmi similari. Per chi non può fare a meno di essere connesso a Internet, esiste la possibilità di noleggiare un "Pocket WIFI" e portare lo "scatolotto" con sé per tutto il tour. Tenete presente inoltre, che negli aeroporti, in molte aeree pubbliche e in parecchi locali (bar ristoranti) troverete degli hotspots aperti e gratuiti per connettere il vostro cellulare/tablet alla rete Wi-Fi. Le possibilità di connessione, infine, raggiungono il massimo con "Softbank Free WI-FI Passport", questo prodotto del provider giapponese Softbank, vi permettere di connettervi, gratuitamente per 2 settimane, a 400 mila hotspot distribuiti su tutto il paese (necessaria la registrazione su: https://www.softbank.jp/en/mobile/special/freewifi/en/).

 

Elettricità  

In Giappone il voltaggio elettrico è di 100V a 50 o  60Hz. Qualora si voglia utilizzare apparecchi elettrici portati dall'Italia è indispensabile dotarsi di un trasformatore di corrente. Tenete presente che i caricabatteria dei telefoni cellulari e delle fotocamere e gli alimentatori dei computer portatili sono universali ma per sicurezza controlla i dati riportati sull’apparecchio. Qui vedete un esempio di un’etichetta di un caricabatteria universale (INPUT: la corrente d'entrata può essere tra i 100 e 240 Volt, la frequenza tra i 50 e 60 Hertz).  

 BatteryCharger

 

 

Il più delle volte, quindi, non sarà necessario portare alcun apparecchio ma dotarsi di un paio di spine adattatrici, indispensabili per collegare i tuoi apparecchi alla rete elettrica. Non comprate pesanti e voluminosi adattatori a più spine. Sono sufficienti semplicissime spine facilmente acquistabili, per pochi euro, in qualunque negozio di apparecchiature elettriche.  Qui a destra una presa, in questo caso doppia, che troverai nelle camere giapponesi e le spine adattatrici a 2 lamelle piatte che dovrai portare con te.

 Spine prese

 

Numeri di emergenza

I numeri da chiamare in caso di emergenza sono: il 119 per contattare l'Ambulanza o i Vigili del Fuoco; il 110 per la Polizia (03-3501-0110 per chiamate in inglese). Per informazioni sanitarie in inglese il 03-5285-8181 (dalle 9:00 alle 20:00). Japan Helpline per assistenza il 0570-000-91124 (h24).

 

Embassy of Italy in Japan
2-5-4, Mita, Minato-ku, Tokyo 108-8302
Tel: 03-3453-5291 (-5296)

Consulate-General of Italy in Osaka
Nakanoshima Festival Tower 17F 
2-3-18, Nakanoshima, Kita-ku, Osaka-fu 530-0005 
Tel: 06-4706-5815